post

Clamoroso dall’Argentina: la stella del river positiva ai test antidoping

Condividi

Notizia clamorosa che arriva direttamente dall’argentina. Da quanto si apprende, 4 giocatori del River Plate sarebbero stati trovati positivi ai test antidoping.  Il presunto caso doping sarebbe avvenuto in occasione del match di copa libertadores tra Independiente Medellin e River Plate. Dopo la partita infatti due calciatori del river sono risultati positivi ai test antidoping. I due calciatori in questione sono  Camilo Mayada e Sebastian Driussi. E proprio la positività di quest’ultimo ha dato grande risalto alla notizia, facendola rimbalzare in breve tempo in tutto il mondo. Driussi infatti è la stella della squadra argentina ed è seguito da molti top club europei. Anche Inter e Roma si erano interessate all’argentino nell’ultimo periodo.

I test antidoping hanno evidenziato la positività ad un diuretico vietato

Driussi e il compagno Mayada sono risultati positivi a un diuretico vietato dall’Agenzia Mondiale Antidoping (WADA). Questa stessa sostanza era stata fatale anche per due loro compagni che erano stati trovati positivi pochi giorni fa in occasione della partita contro l’Emelec. La notizia ovviamente ha scosso tutto il calcio argentino visto che potrebbe addirittura trattarsi di doping di squadra. Ovviamente per la certezza del caso doping bisognerà attendere l’esito delle controanalisi, ma intanto la notizia si è già diffusa in tutto il mondo. Una brutta gatta da pelare per il River che dopo aver perso il campionato contro i rivali del Boca, adesso deve anche difendersi da questo scandalo.

Sebastian Driussi giovane astro nascente del calcio argentino adesso vede a rischio la sua carriera

Se i risultati del test antidoping dovessero essere confermati anche dalle controanalisi Driussi e compagni rischiano grosso. La federazione argentina, infatti, in questi casi prevede una squalifica che va da 2 mesi fino a 2 anni. Questa sicuramente è una doccia fredda per la stella del calcio argentino Sebastian Driussi. Il giovanissimo attaccante classe 1996 sembrava pronto per trasferirsi in Europa ma adesso la sua carriera rischia un brusco stop improvviso. Sulle tracce dell’argentino c’erano diversi top club europei e anche in italia c’era chi lo seguiva da vicino. Driussi aveva un grande estimatore in Walter Sabatini e secondo alcuni rumors il nuovo responsabile dell’area tecnica Suning stava provando a portarlo a Milano.


Condividi

Lascia un commento